Clima, Mercalli: serve più informazione in TV e meno improvvisazione
22 novembre 2021
Clima, Mercalli: serve più informazione in TV e meno improvvisazione
“Se in TV si parlasse più di ambiente e di clima, mettendo questi temi al centro del dibattito pubblico, si potrebbe ottenere un importante cambiamento culturale e nei comportamenti. E invece purtroppo tutto è lasciato all’improvvisazione”. In un’intervista al magazine online ENEA “Energia Ambiente e Innovazione”, nel numero speciale dedicato a giovani e mondo della scuola, Luca Mercalli, climatologo, scrittore, divulgatore scientifico, ha sottolineato l’importanza di accrescere l’informazione sui temi ambientali e della sostenibilità “anche all’interno dei programmi scolastici, visto il grande interesse dei giovani per queste tematiche e per evitare che la didattica su questi temi venga lasciata solo alla buona volontà degli insegnanti”. “Sono proprio i ragazzi di oggi a subire i danni maggiori dei guasti ambientali che stiamo causando, perché i problemi del clima si espliciteranno in maniera intensa e drammatica nei prossimi decenni, quando loro saranno adulti”, ha affermato Mercalli che, oltre ad una lunga esperienza come docente, dirige la rivista di meteorologia Nimbus da lui fondata, è presidente della Società Meteorologica Italiana e consigliere scientifico di ISPRA. “La missione di scienziati e divulgatori è informare i giovani sulla gravità e i rischi della situazione ambientale, ma indicando vie d’uscita e soluzioni. E i giovani – ha aggiunto – devono far sentire la loro voce. Il loro apporto è fondamentale come forza propulsiva nella società e nella politica". “Il 50% della mia didattica è descrivere una situazione ambientale grave e con molti rischi, ma l’altro 50% è dire che cosa possiamo fare e proporre soluzioni: dalle fonti rinnovabili all’efficienza energetica, alle nuove tecnologie per avere una buona qualità della vita, ma a basso impatto ambientale”. Gli ingredienti fondamentali per ‘parlare’ ai giovani sono la credibilità, il raccontare come si stanno applicando le soluzioni proposte e l’interdisciplinarietà, ovvero far capire che il rapporto tra uomo e ambiente può essere spiegato sia attraverso la fisica e la chimica che con la storia, la letteratura e la filosofia. E questo ai giovani piace moltissimo perché vedono il collegamento con le singole materie che studiano, ha concluso Mercalli che di recente ha pubblicato ‘Uffa che caldo! Come sarà il clima del futuro? E come possiamo limitare i danni?’, un libro per bambini nel quale la sua “sfida” è stata trasformare concetti difficili in figure rigorosamente scientifiche e nello stesso tempo comprensibili.
[Torna alla Home]
Archivio notizie
Studiare le variazioni del clima attraverso le nubi polari. È la nuova possibilità che si apre da quest'anno per i ricercatori dell'Osservatorio meteo-climatologico Enea in Antartide grazie a uno strumento altamente innovativo che consente di... [leggi tutto]
 
Banca Monte dei Paschi di Siena (MPS) prosegue nel suo percorso per un modello di sviluppo sostenibile e aderisce alla Net-Zero Banking Alliance (NZBA), l'iniziativa promossa dalle Nazioni Unite che ha l'obiettivo di accelerare la transizione... [leggi tutto]
 
La BCE lancia gli stress test sui rischi climatici per il sistema bancario, la cui esposizione verrà sottoposta a vari scenari che includono una transizione green, un ritardo e l'assenza di politiche verso gli obiettivi di sostenibilità. Lo comunica... [leggi tutto]
 
Rafforzare la resilienza della rete elettrica. Con questo obiettivo Fondazione Enel (FE) e l'Electric Power Research Institute (EPRI) hanno avviato una collaborazione per una nuova serie di seminari virtuali incentrati sull'adattamento climatico del... [leggi tutto]
 
Mondo TV, uno dei più grandi produttori europei e distributori di contenuti di animazione, ha raggiunto un’intesa con Turkuvaz Görsel Isitsel ve Iletisim A.S. del gruppo Turkuvaz Media per la licenza anche della seconda serie MeteoHeroes, prodotta... [leggi tutto]
 
Nel 2021 le temperature dell'Oceano hanno segnato un nuovo record, raggiungendo i valori più caldi mai misurati per il sesto anno consecutivo. Ancor più allarmante è la situazione del Mediterraneo che si conferma il bacino che si scalda più... [leggi tutto]
News
28 gennaio 2022
Studiare le variazioni del clima attraverso le nubi polari. È la nuova possibilità che si apre da quest'anno per i ricercatori dell'Osservatorio meteo-climatologico Enea in Antartide grazie a uno strumento altamente innovativo... [leggi tutto]
  Osservazioni in tempo reale
cielo molto nuvoloso
cielo sereno
10°
cielo sereno
cielo sereno
cielo parzialmente nuvoloso
11°
cielo sereno
12°
cielo sereno
11°
cielo sereno
13°
cielo prevalentemente sereno
10°
cielo sereno
14°
cielo sereno
12°
cielo prevalentemente sereno
13°
cielo parzialmente nuvoloso
cielo sereno
cielo parzialmente nuvoloso
11°
cielo molto nuvoloso
13°
cielo sereno
cielo sereno
cielo coperto
cielo prevalentemente sereno
13°
cielo sereno
cielo sereno
12°
cielo sereno
12°
cielo molto nuvoloso
13°
cielo sereno
cielo sereno
Segui XMeteo su Twitter
Segui XMeteo su Twitter
questa pagina: