Enea, team di ricerca a guida italiana svela il genoma della melanzana
16 settembre 2019
Enea, team di ricerca a guida italiana svela il genoma della melanzana
Un team di ricerca a guida italiana composto da Enea, Crea e Università di Verona e Torino ha svelato i segreti della melanzana e della sua biodiversità. Lo studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports del gruppo Nature e condotto in collaborazione con l'Università di Napoli, il Weizmann Istitute e la University of California, ha portato alla decodifica del genoma di questo ortaggio aprendo nuove strade alla coltivazione di varietà sempre più resistenti alle conseguenze dei cambiamenti climatici, come ad esempio la siccità. La ricerca segue la decodifica dei genomi di patata e pomodoro – come la melanzana appartenenti alla famiglia delle Solanacee, che comprende circa 2.500 specie diverse – avvenuta nel 2011 e 2012. "La sequenza genomica ha confermato che la grande diversità morfologica delle Solanacee si è generata partendo da un numero di geni molto simile (circa 35.000 in ognuna delle tre specie). Oltre alla melanzana più diffusa in Italia, la specie Solanum melongena, esistono in natura circa cinquanta specie affini, di cui alcune a rischio estinzione a causa dei cambiamenti climatici", spiega Giovanni Giuliano, dirigente di ricerca della Divisione Enea di Biotecnologie e agroindustria. "La melanzana sequenziata (chiamata 67/3) è stata sviluppata dal Crea incrociando la varietà Tunisina della tipologia tipicamente italiana Violetta con una linea di origine asiatica, per correggerne il difetto della polpa soffice che assorbe parecchio olio in cottura. La progenie è stata poi continuamente selezionata per i 6 anni successivi, fino ad arrivare appunto alla 67/3, da cui abbiamo costituito numerose famiglie imparentate, che hanno permesso di poter ordinare correttamente le sequenze del genoma. Questo ci ha consentito di comprendere la base genetica di una serie di caratteri agronomici importanti, accelerando i programmi di miglioramento genetico, tramite marcatori molecolari associati ai geni di interesse. In particolare, ci siamo concentrati sui geni coinvolti nella colorazione e nella maturazione del frutto e nella resistenza a patogeni fungini", spiega Giuseppe Leonardo Rotino, dirigente di ricerca presso il Crea Genomica e Bionformatica. "Il genoma è stato ottenuto tramite una combinazione di tecnologie di sequenziamento di ultima generazione e mappatura ottica. La qualità dei dati è elevatissima e testimonia quanto siano cresciute le competenze italiane nel campo della genomica", commenta Massimo Delledonne, ordinario di Genetica presso il Dipartimento di Biotecnologie dell’Università di Verona. "La melanzana – come sottolinea Sergio Lanteri, ordinario di Genetica agraria presso il Dipartimento di Scienze agrarie, forestali ed agroalimentari dell’Università di Torino – è uno degli ortaggi più consumati al mondo e l'Italia ne è il principale produttore europeo". Domesticata oltre 2.000 anni fa in Asia, tuttavia, la melanzana – spiega Lanteri – "ha subito un collo di bottiglia genetico che ne ha ridotto la biodiversità e la resistenza a malattie e a stress ambientali". La decodifica del genoma contribuirà al superamento di queste problematiche.
[Torna alla Home]
Archivio notizie
Ottobre fa registrare un incremento delle tariffe per i consumatori ancora in regime di maggior tutela. L'Arera, l'Authority di regolazione per l'energia, reti e ambiente ha annunciato un rialzo in media del +2,6% sulle fatture della luce e del... [leggi tutto]
 
La forte ondata di maltempo che ha colpito con particolare violenza la Liguria, per gli allagamenti che hanno interessato la sede ferroviaria, ha costretto RFI a interrompere la circolazione dei treni tra Lombardia e Piemonte da e per Genova. Al... [leggi tutto]
 
Ventimila fulmini, alberi caduti, black-out e allagamenti. Questo il bilancio della tempesta che all'alba si è abbattuta sulla Liguria centrale dove fino alle 15 di oggi è prevista l'allerta rossa. Nel Savonese, una delle province più colpite dalla... [leggi tutto]
 
Via libera del Consiglio dei ministri al Dl Clima. Lo ha annunciato il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa. "E' stato appena approvato il decreto clima. E' un risultato importante per il Paese. Uno dei primi decreti di questo governo è sulla tutela... [leggi tutto]
 
Al via un Comitato per la lotta ai cambiamenti climatici che entrerà a far parte del Cipe. Lo ha annunciato il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri aggiungendo che sarà fra le "prime misure immediate" che verranno adottate. "Sarà istituito un... [leggi tutto]
 
ENI, attraverso la consociata ENI Australia Limited, ha completato l'acquisizione di due progetti per la realizzazione di centrali fotovoltaiche(PV) a Batchelor e Manton Dam, nel Territorio del Nord australiano, da parte di della NT Solar... [leggi tutto]
News
22 ottobre 2019
Ottobre fa registrare un incremento delle tariffe per i consumatori ancora in regime di maggior tutela. L'Arera, l'Authority di regolazione per l'energia, reti e ambiente ha annunciato un rialzo in media del +2,6% sulle fatture... [leggi tutto]
  Osservazioni in tempo reale
cielo parzialmente nuvoloso
19°
cielo prevalentemente sereno
21°
cielo sereno
21°
cielo molto nuvoloso
22°
cielo prevalentemente sereno
22°
cielo prevalentemente sereno
25°
cielo sereno
24°
pioggia
16°
cielo sereno
28°
cielo sereno
22°
cielo sereno
26°
cielo sereno
29°
cielo sereno
22°
cielo sereno
25°
cielo sereno
25°
cielo sereno
25°
cielo sereno
24°
cielo prevalentemente sereno
24°
cielo sereno
24°
cielo parzialmente nuvoloso
20°
cielo sereno
27°
cielo molto nuvoloso
19°
cielo prevalentemente sereno
28°
cielo sereno
22°
cielo sereno
25°
cielo sereno
23°
Segui XMeteo su Twitter
Segui XMeteo su Twitter
questa pagina: